Citroen Cactus M: ecco l’erede della Mehari

La Citroen Cactus M e la Mehari
La Citroen Cactus M e la Mehari

Sono state diramate le informazioni ufficali relative alla Citroen Cactus M, vettura che dovrebbe essere l’erede della Mehari

Come suggerisce il nome, la base di partenza di questa crossover cabrio è la Citroen Cactus, da cui è stata ricavata questo prototipo a due porte, privo del tetto e dotato di un telo d’emergenza, che scorre su appositi sostegni gonfiabili che vengono mendati in pressione dal compressore di bordo.
Il parabrezza della Cactus, è stato sostituito con un nuovo parabrezza ad inclinazione ridotta, che diventa uno dei due punti fermi su cui appoggiare l’eventuale attrezzatura sportiva.
Il secondo punto d’appoggio è dato da un arco posteriore fisso, situato dietro il divano posteriore.

L’abitacolo della Citroen Cactus M, risulta molto semplificato rispetto a quello della Cactus ed è stato realizzato con materiali impermeabili ed è dotato di comodi tappi di scolo sul pianale. Portiere e paraurti sono stati realizzati nello stesso materiale utilizzato per i bumper della Cactus, in modo da offrire la massima protezione contro graffi e piccoli urti.

Il propulsore della Citroen Cactus M è lo stesso utilizzato sul modello base della Cactus: un 1.2 Puretech turbobenzina da 110 CV che, abbinato al cambio automatico EAT6, dovrebbe avere consumi pari a 4,8 l/100 km a fronte di emissioni pari a 110 g/km.
Gli inediti cerchi di lega da 19″ calzano pneumatici Bridgestone Tall&Narrow studiati per la massima scorrevolezza e alloggiati nei passaruota specifici. Proprio questi pneumatici di nuova concezione hanno permesso di aumentare l’altezza da terra della vettura senza apportare modifiche all’assetto e alle sospensioni.
Infine, questa vettura è dotata di Grip Control, che permette di migliorare la trazione su fondi con aderenza scarsa.

Purtroppo, non sappiamo ancora se questa vettura è destinata alla produzione o se è destinata a rimanere un semplice esercizio di stile ma, certamente, al Salone di Francoforte ne sapremo di più.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.