Nuova Volkswagen Passat: ecco l’ottava generazione

La nuova Volkswagen Passat
La nuova Volkswagen Passat

Tutte le vetture sono importanti nella gamma di un costruttore, ma alcune lo sono più di altre. La Passat, infatti, è una delle vetture che frutta di più alla Volkswagen, garantendo margini di guadagno più ampi rispetto alla Golf o alla Polo, pertanto è fondamentale. Questa Passat, a differenza della settima generazione, è stata disegnata integralmente, mentre la versione precedente era frutto della rivisitazione della sesta generazione.

GUARDA LA FOTOGALLERY COMPLETA>>>
Esterni: questa Passat sembra decisamente più dinamica e aggressiva delle generazioni precedenti, grazie anche ad un frontale che ha fatto delle soluzioni di sicurezza il punto fermo da cui iniziare a progettare. Il taglio del cofano, con la parte finale più bassa e arrotondata, infatti, non è solo una soluzione stilistica ma è il risultato della perfetta applicazione della nuova normativa riguardante la protezione dei pedoni. Nuova anche la griglia che copre il radiatore, che integra della nuove barre cromate orizzantali nelle quali è “incassato” il logo Volkswagen. Il paraurti, più prominente del solito, integra i fendinebbia e un’altra piccola griglia, dietro alla quale sono posizionate anche due prese d’aria che soffiano direttamente sui freni anteriori. Nella versione berlina, il terzo volume è raccordato ottimamente al resto della vettura, grazie anche ad una scanaltura sulla fiancata che parte dal passaruota anteriore e finisce sul faro posteriore. Anche il lunotto, meno inclinato del solito, fa in modo che la vettura abbia una linea filante e sportiva. Nella versione variant, è mantenuta la soluzione della scanalatura sulle finacate, soluzione che fa assomigliare la vettura alla Touareg, quindi sappiamo già che potrebbe essere una formula vincente. Nel posteriore troviamo i grandi fari con tecnologia LED integrati nel paraurti e nel cofano. Gli scarichi sono integrati nel paraurti posteriore, con due grandi terminali cromati.
Spazi ampi e ottima abitabilità: sono state presentate contemporaneamente entrambe le versioni e, probabilmente, la versione variant sarà quella preferita dalle famiglie, mentre la versione berlina sarà quella preferita dalle flotte aziendali. All’interno si ritrova il classico stile pulito di tutte le Volkswagen, con alcuni dettagli che impreziosiscono il cruscotto, come le bocchette di aerazione centrali e quella di destra unite visivamente con un gioco di profili, o come l’orologio analogico. Si trova anche una delle caratteristiche tradizionali di tutte le Passat, ovvero la grande spaziosità di abitacolo e bagagliaio. Sulla Passat Variant, in configurazione cinque posti, ci sono sempre almeno 650 litri a disposizione. Cresce il bagagliaio e migliora lo spazio interno, con i passeggeri del divano posteriore che godono di 3,3 cm in lunghezza e di 2,6 cm in altezza in più della precedente generazione.
Motorizzazioni e tecnica: anche questa vettura è stata concepita sulla piattaforma modulare MQB, che vanta un peso inferiore di 85 kg rispetto alle altre piattaforme. Come già visto sulla Golf saranno disponibili le sospensioni a controllo elettronico DCC e lo sterzo progressivo. Ampissima l’offerta di motori, che a gamma completata raggiungerà le dieci unità. I benzina sono tutti TSI, il 1.4 da 125 e 150 CV, l’1.8 da 190 CV e il 2.0 da 220 e 280 CV, mentre i diesel TDI sono quattro: 1.6 da 120 CV, 2.0 da 150 e 190 CV e il nuovo biturbo 2.0 da 240 CV, 500 Nm di coppia e pressione di iniezione a 2.500 bar. Nei prossimi mesi arriverà anche la versione plug-in, con 50 km di autonomia elettrica e oltre 1.000 totali.
Sicurezza: ovviamente, sono notevoli anche i sistemi di sicurezza, anche se alcune sono opzionali. Si inizia con quelli di assistenza alla guida: l’Autonomous Emergency Braking, l’Emergency Assist e il Trailer Assist. Poi ci saranno il sistema di mantenimento della corsia, la telecamera per l’angolo cieco, il sistema di parcheggio automatico, il cruise control adattivo con funzione stop&go, il rilevatore di stanchezza del guidatore e l’inedito Traffic Jam Assistant che tiene la vettura al centro della corsia intervenendo sullo sterzo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.