La Corea prova a rientrare in Formula 1

Dopo una piccola parentesi, dal 2010 al 2013, la Corea non è più nel calendario della F1, ma i sudcoreani non si arrendono, la vogliono nel loro paese. Certo, del Gran Premio della Corea non se ne sente la mancanza, ma se l’accordo tra i sudcoreani ed Ecclestone andasse realmente in porto, ci sarebbe un GP in notturna a Seul. Nonostante il fallimentare progetto del circuito, i sudcoreani ci riprovano. “Mr. E.” avrebbe già incontrato i rappresentanti del governo locale, tra cui Chung Young Cho, che ha consegnato al Patron della Formula1 il progetto con il layout del circuito cittadino. L’organizzatore del Gran Premio del 2010, stimò il completamento dell’autodromo in sette anni e pare che ci siano buoni presupposti affinché tutto si svolga correttamente tra due stagioni. Tuttavia gli organizzatori non vogliono correre il rischio di trovarsi con un circuito che non avrebbe interesse per il pubblico, per cui vanno cauti. Sicuramente, tra Ecclestone e gli organizzatori coreani, nel week-end del Gran Premio di Singapore, è stata intavolata anche una discussione sulle tasse d’iscrizione da pagare per tornare a far parte del calendario di F1 già a partire dal 2016.
Staremo a vedere se questa volta la Corea avrà un futuro in Formula1 ma, soprattutto, se riuscirà ad fare parte del campionato tra due anni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.