Endurance: Porsche in pole a SPA

La Porsche 919 Hybrid #14 ha conquistato la pole position
La Porsche 919 Hybrid #14 ha conquistato la pole position

La pole del secondo appuntamento del Mondiale Endurance porta la firma della Porsche #14.
Con il tempo medio di 2’01″198, realizzato da Lieb e Jani, il primo equipaggio è riuscito a concludere con 638 millesimi di vantaggio sulla seconda vettura, la Toyota che ha visto alternarsi Buemi e Davidson. Decisamente più staccata la prima delle Audi, la R18 e-tron quattro scesa in pista con Marcel Fassler e Benoit Treluyer, che ha chiuso terza a 1″3 e dividerà la seconda fila dello schieramento con l’altra Toyota TS040 Hybrid affidata per queste qualifiche all’accoppiata Sarrazin/Nakajima. Quinta piazza per la Porsche #20, guidata da Hartley e da Bernhard, seguita dalla seconda Audi (Kristensen/Di Grassi) e dall’Audi in configurazione Le Mans, che paga quasi 5″ di ritardo.
Ancora difficoltà in casa Rebellion, con la prima vettura, quella dell’equipaggio Prost/Heidfeld/Beche, che ha chiuso dodicesima, con oltre 13″ di ritardo, mentre la seconda vettura non è nemmeno riuscita a far registrare un giro cronometrato. Nella classe LMP2 la pole position è quindi antata alla KCMG, che ha piazzato la sua Oreca-Nissan al nono posto assoluto con la coppia Bradley/Imperatori. Tra le vetture GTE è stato dominio assoluto delle Ferrari, con le 458 della AF Corse che si sono guadagnate la partenza al palo sia nel raggruppamento Pro che in quello Am. Proprio come a Silverstone, i più veloci sono stati Gimmi Bruni e Toni Vilander con un tempo medio di 2’32″338, con cui hanno preceduto di appena un paio di decimi l’Aston Martin di Turner/Mucke/Senna (hanno girato i primi due).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.