EuroNCAP: ecco i risultati della seconda sessione di crash test del 2015

Euro NCAP, la nota agenzia europea che si occupa della valutazione della sicurezza degli autoveicoli e di tutti i componenti per auto che hanno il compito di salvaguardare la sicurezza, ha diramato i risultati relativi alla seconda sessione di crash test effettuati in questo 2015, in cui sono state esaminate quattro vetture, di cui soltanto due sono riuscite ad ottenere il massimo giudizio, che avrebbero raggiunto se non fosse stato cambiato il protocollo di valutazione della sicurezza delle auto.

Test Fiat 500X

La prima vettura ad essere stata sbattuta contro un muro per il test frontale è stata la Fiat 500X, che ha dimostrato di avere un abitacolo abbastanza stabile e, i manichini della famiglia Hybrid III che occupavano i sedili anteriori hanno indicato una buona protezione dei femori e delle ginocchia. Massimo punteggio nel crash test laterale col carrello.
Nel test del palo, la 500X ha risposto discretamente all’impatto, con i manichini che hanno riportato un’adeguata protezione del torace ed una buona protezione delle altre zone del corpo.
Il piccolo SUV di casa Fiat ha messo in evidenza un’ottima sicurezza dei bambini, ottenendo il miglior punteggio nella protezione del manichino studiato per simulare le condizioni e le dimensioni fisiche del bambino di un anno e mezzo.
Le prove sui sedili anteriori hanno dimostrato un buon livello di protezione dal corpo di frusta, mentre i sedili posteriori hanno fatto vedere una protezione marginale.
Nella difficile prova dell’impatto con il pedone, la Fiat 500X ha ottenuto il punteggio massimo, grazie alla ottima protezione belle gambe e del bacino del pedone.
Per quanto riguarda i sistemi di sicurezza attiva, Euro NCAP ha valutato il sistema di avviso di superamento della corsia ma non il sistema di frenata autonoma a basse velocità, facendo ottenere alla vettura un punteggio relativamente basso in questa parte della valutazione.
Proprio per questo motivo, la Fiat 500X non ottiene le cinque stelle ma si ferma a quattro.

Test Mazda 2

La piccola vettura della Casa di Hiroshima ha dimostrato di avere un abitacolo molto stabile nel test dell’impatto frontale. In questa prova, il massimo dei punti è stato assegnato per la protezione del manichino del passeggero, ritenuta ottima, mentre il manichino del guidatore rischia di urtare la parte laterale della plancia con la gamba destra e, quindi, perde qualche punto.
La protezione dei bambini risulta adeguata: il manichino da 18 mesi registra una protezione da punteggio massimo mentre, la protezione del manichino di 3 anni, posizionato fronte marcia riceve sollecitazioni troppo elevate al petto ed al collo anche se la testa di entrambi i bambini rimane perfettamente protetta dal rischio di urtare parti dell’abitacolo.
Nei due test di impatto laterali (impatto con il carrello e prova del palo) il punteggio ottenuto è stato il più alto, vista l’ottima protezione del torace e la bassa trazione sulle costole.
Nella prova di impatto con il pedone, la Mazda 2 offre buona protezione sia alle gambe che al bacino del pedone investito, risultato che contribuisce all’ottenimento delle 4 stelle nella valutazione totale del crash test.
Purtroppo, ad incidere negativamente sulla valutazione della vettura, è l’assenza di dispositivi di sicurezza attiva, come il sistema di frenata autonoma.

Renault Espace

Il grande monovolume di casa Renault si è dimostrato molto robusto nei test frontali, con l’abitacolo che ha assorbito al massimo l’impatto senza deformazioni.
La spaziosità della vettura ha permesso di ottenere molto spazio per le ginocchia degli occupanti anteriori, anche se il passeggero rischia di urtare alcune parti del cruscotto e questo ha portato una leggera penalità, anche se il guidatore gode una protezione eccellente.
Nel test dell’impatto laterale con il palo, la compressione toracica indicato un livello marginale di protezione per il petto, ma la protezione di altre parti del corpo è buona.
La protezione dei bambini, che nel test erano entrambi seduti contromarcia, è risultata eccellente.
Nel test dell’impatto laterale con carrello, la Espace non ha ottenuto un punteggio eccellente a causa dell’apertura della portiera posteriore, anche se la protezione di tutti gli occupanti è stata ottima.
Nel test dell’impatto con il pedone, la monovolume di casa Renault offre un’ottima protezione di gambe e bacino, grazie alla giusta rigidità di paraurti e cofano.
Euro NCAP, per quanto riguarda la dotazione di sistemi di sicurezza attiva, ha valutato positivamente la possibilità di richiedere il sistema OvercSpeed Protection System, che riconosce i segnali stradali per mezzo di una telecamera e può limitare automaticamente la velocità del veicolo e l’avvisatore acustico per l’allacciamento di tutte le cinture di sicurezza.

Suzuki Vitara

L’ultima vettura di questo crash test è stata la Suzuki Vitara che, nella prova di impatto frontale, ha dimostrato di avere un buon abitacolo, rimasto intatto dopo l’urto.
Solo nell’impatto frontale pieno le sollecitazioni a carico del petto di entrambi gli occupanti anteriori è più importante, ma la protezione risulta comunque adeguata, mentre ottiene il massimo punteggio la protezione del manichino di 18 mesi. Il manichino di 3 anni, invece, ha subito una forte tensione del collo.
La protezione dei passeggeri anteriori è molto buona anche nella più severa prova del palo.
Nella prova di impatto laterale con il carrello, la Suzuki Vitara ha ottenuto il massimo punteggio.
Nel parametro di valutazione di protezione dei bambini, Euro NCAP ha tenuto conto della facilità di installazione dei modelli di seggiolini consigliati dalla casa.
Nella prova di impatto con il pedone, la protezione offerta dal paraurti è ottima, mentre il cofano si è rivelato troppo rigido in alcuni punti.
Nella valutazione dei sistemi di sicurezza, l’agenzia ha tenuto conto dell’ESC, dell’avvisatore acustico per l’allacciamento di tutte le cinture e del sistema di frenata autonoma ad alta velocità perchè presente su più della metà del venduto.

Valutazione generale:

Fiat 500X: Protezione adulti 86% – Protezione bambini 85% – Protezione pedoni 74% – Sistemi di sicurezza 64% – 4 Stelle

Mazda 2: Protezione adulti 86% – Protezione bambini 78% – Protezione pedoni 84% – Sistemi di sicurezza 64% – 4 Stelle

Renault Espace: Protezione adulti 89% – Protezione bambini 85% – Protezione pedoni 76% – Sistemi di sicurezza 75% – 5 Stelle

Suzuki Vitara: Protezione adulti 82% – Protezione bambini 89% – Protezione pedoni 70% – Sistemi di sicurezza 80% – 5 Stelle

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.