Piquet trionfa a Long Beach!

Nelson Piquet Jr. festeggia la vittoria
Nelson Piquet Jr. festeggia la vittoria

Nelson Piquet Jr ha conquistato la sua prima vittoria di questo campionato andando a trionfare sullo storico circuito di Long Beach, circuito dove suo padre, nel 1980, colse la sua prima vittoria in F1.

Piquet ed il team China Racing si sono mostrati in grande spolvero, con il brasiliano che ha dominato ben 38 dei 39 giri in programma, partendo dalla quarta posizione in griglia.
Il giovane “Nelsinho” ha vinto grazie al carattere ed al suo sangue freddo, riuscendo a superare indenne due neutralizzazioni con safety-car e gestendo bene nel finale il vantaggio messo tra sè ed i due inseguitori Jean-Eric Vergne e Lucas Di Grassi, nuovo leader della classifica.

Quarta piazza per Sébastien Buemi, che ha sfruttato la lotta intestina tra Abt e Di Grassi per recuperare secondi preziosi ed attaccare la quarta posizione, presa ai danni proprio di Abt, che è stato anche sanzionato con un drive through per un elevato utilizzo di potenza.
La top five è stata completata da Bruno Senna, che ha adottato l’indovinata strategia di fermarsi un giro più tardi della maggior parte dei piloti di testa per risalire dalle retrovie alle prime dieci piazze della classifica.
E proprio Senna ha fatto vedere un bel duello con Prost quando, in uscita dalla pit lane i due sono entrati in battaglia. Però Prost è stato sanzionato con un drive through dopo aver mandato a muro Jerome D’Ambrosio nel corso del ventunesimo giro.

Per Prost, però, non è stata una gara facile, visto che il pilota ha subito diversi attacchi parecchio aggressivi prima da Vergne (che ha utilizzato il FanBoost), poi da Buemi ed, infine, da Lucas Di Grassi.

Se per le prime cinque posizioni la gara è stata molto serrata, per le posizioni di rincalzo i distacchi sono stati tutti intorno al secondo.
In sesta posizione troviamo D’Ambrosio, seguito da Da Costa, Algersuari, Duval e Sarrazin.

Infine, dando un’occhiata alle statistiche, notiamo come questo campionato sia parecchio combattuto, con sei diversi vincitori in sei gare e meno di cinquanta punti di differenza tra il primo ed il decimo pilota in classifica generale. Quello che sembrava dovesse essere un campionato di basso livello ha raccolto un nutrito gruppo di piloti veterani e molto agguerriti e sta regalando ad ogni appuntamento gare molto entusiasmanti tanto che, i più nostalgici, lo paragonano ad un vecchio campionato di F1.

Prossimo appuntamento il 9 maggio a Montecarlo!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.