Rosberg vince ad Interlagos, ad Hamilton basta il secondo posto ad Abu Dhabi

Nico Rosberg
Nico Rosberg

Nico Rosberg ha trionfato in Brasile, riducendo il distacco in classifica da Hamilton.
Adesso, i due sono separati soltanto da 17 punti, margine che consente al pilota britannico di “accontentarsi” del secondo posto ad Abu Dhabi per laurearsi campione del mondo per la seconda volta in carriera.
Rosberg ha raggiunto quota cinque successi stagionali, mentre Hamilton è a quota 10.
Tuttavia, la vittoria del tedesco è stata propiziata da un errore del tedesco, errore commesso al giro 27, quando Hamilton è arrivato lungo alla curva 4 andando in testacoda. Questo errore ha fatto perdere 7 secondi al britannico, che ha iniziato a tirare come un pazzo per recuperare, tagliando il traguardo con meno di un secondo di distacco dal compagno rivale.
Anche questa gara, comunque, ha dimostrato il divario tecnico tra la Mercedes e le altre case: la Williams, che sembrava l’unica in grado di poter infastidire le monoposto della stella a tre punte, ha visto Massa classificarsi terzo al traguardo, con circa 40 secondi di distacco dai primi.
Positiva la prestazione di Jenson Button: il pilota della McLaren, che sa già di essere stato scaricato il prossimo anno dal team di Woking per fare posto a Fernando Alonso, ha ottenuto il massimo dalla MP4-29, visto che Kevin Magnessun ha chiuso al nono posto. L’inglese è stato abilissimo nel gestire le gomme Pirelli dimostrando la sua proverbiale sensibilità.
Consistente anche il quinto posto di Sebastian Vettel con la Red Bull Racing: il quattro volte campione del mondo ha perso due posizioni nelle prime battute, ma poi ha trovato un buon passo in gara riuscendo a stare davanti alla Ferrari di Fernando Alonso, classificatosi sesto dopo una bella battaglia con il compagno di squadra Kimi Raikkonen, che ha tagliato il traguardo giusto dietro l’asturiano. Kimi è stato anche sfortunato in un pit stop, quando si è rotto il sollevatore e la sua F14-T è praticamente caduta a terra senza una ruota.
Ottava posizione per Nico Hulkenberg, seguito da Magnussen e da Bottas che, nonostante una prestazione opaca, ha raccolto un punto utile per la lotta alla quarta posizione nella classifica generale.
Per la seconda volta nella stazione, la sfortuna ha colpito Daniel Ricciardo, vittima della rottura della sospensione anteriore sisnistra della sua RB10.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.