La TS040 Hybrid di Davidson e Buemi in pole al Fuji

La nuova Toyota TS040 Hybrid
La nuova Toyota TS040 Hybrid

Al Fuji, circuito di casa per la Toyota, i due leader della classifica piloti hanno conquistato una pesante pole position.
Davidson e Buemi, che questa volta correranno senza Lapierre che si è fermato per motivi personali, hanno infranto la barriera del minuto e 27 grazie al giro incredibile di Davidson, che ha fermato il cronometro su 1’26″473, giro che ha abbassato la media fino a 1’26″886. Ed è stato proprio il giro di davidson a regalare la pole position all’equipaggio Toyota, visto che la Porsche 919 Hybrid di Bernhard/Webber/Hartley è dietro di appena 43 millesimi.
In seconda fila troviamo ancora una Porsche e una Toyota, con la 919 Hybrid di Dumas/Jani/Lieb davanti alla TS040 Hybrid di Wurz/Sarrazin/Nakajima.
In quarta e quinta posizione, staccate dalla vetta di oltre un secondo, troviamo le due Audi R18 e-tron quattro, con l’equipaggio di Fassler/Lotterer/Treluyer che ha preceduto la vettura di di Grassi/Duval/Kristensen. Vedremo se anche in questo round l’affidabilità e le condizioni meteo premieranno le vetture dei quattro anelli.
In classe LMP2 si è confermata davanti a tutti la Ligier-Nissan della G-Drive Racing con Rusinov/Pla/Canal. Questo terzetto però è incappato in una penalità per aver migliorato il proprio tempo in regime di bandiera gialla nelle libere di ieri, quindi arretrerà sulla griglia, regalando la pole di classe alla Morgan-Nissan della OAK Racing schierata per Yacaman/Brundle/Ihara.
Nella classe GTE-Pro, come ci si poteva spettare, è stata una Aston Martin a conquistare la pole position, anche se non è stata quella dell’equipaggio di Turner/Mucke bensì quella di Fernando Rees ed Alex MacDowall. Anche in casa Ferrari c’è una sorpresa, con la 458 di Rigon e Calado che ha preceduto la 458 di Bruni e Vilander.
Infine, nella categoria GTE-Am, la pole va all’Aston Martin di Dalla Lana/Lamy/Nygaar.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.