MotoGP, altre novità attuali e futuristiche dal TT Assen

La Dorna diventa più buona, più umana concedendo contratti doppi, toglie ali ma anche controlli del rumore in MotoGP e da mano libera alle sostituzioni in Moto3.

di: RajaS

Il tracciato di Assen è il più vecchio nella storia del motomdiale (ospita I GP fin dal 1949) e anche se ha subito svariante modifiche che lo hanno accorciato sempre di più (da 16,54km alla nascita a 4,5km nel presente) rimane uno dei più spettacolari e veloci al mondo. Cambia il layout e il giorno di gara, ma la sua presenza nelle tappe MotoGP diventa più solida visto che oggi la DORNA ha annunciato con comunicato ufficiale il prolungamento dei rapporti con il TT Assen per altri 10 anni. 

Carmelo Espeletta (Dorna Sport’s CEO) ha parlato al riguardo: “E’ un piacere per noi, Assen è stato presente fin dall’inizio in 1949. e’ veramente fantastico e un grande onore rinnovare con il TT Assen per altri dieci anni. Come tutti sapete, normalmente rinnoviamo solo per cinque anni, ma in questo caso dati piani d’investimento, il circuito è pronto per il salto in avanti. Loro hanno bisogno di coerenza e noi ne siamo la prova. E’ il 25° GP qui e ora l’organo formato da DORNA, FIM, IRTA e MSMA sappiamo che sì arriverà al 35°, e quindi vorrei ringraziare i vertici e tutto il personale per la loro passione perché è stato un accordo molto facile da chiudere“. Risponde Arjan Bos (President of the Board ST Circuit Drenthe): “Siamo molto felici anche noi.la cooperazione della DORNA con il TT è sempre stata ottima. Per noi è importante avere un contratto lungo fino il 2026 che è un lungo periodo ma vogliamo investire nei prossimi cinque sei sette anni almeno 16 milioni di Euro. Vogliamo ampliare le tribune, lo spazio per hospitality e migliorare la sicurezza. Sono molto felice e orgoglioso con questo contratto decennale, grazie!”.

Oggi 25 giugno ad Assen la Gran Prix Commission formata da Carmelo Ezpeleta, Ignacio Verneda (FIM CEO), Herve Poncharal (IRTA) e Takanao Tsbouchi (MSMA) in presenza di Javier Alonso (Dorna) e Mike Trimby (IRTA in qualità di segretario) si è riunita e ha preso nuove decisioni importanti.

BYE BYE WINGS – Come nelle classi minore, arriva la decisione di bandire le “alette” anche dalla MotoGP dal 2017 per motivi di sicurezza. Anche se in disaccordo con il regolamento, queste appendici potranno essere usate fino alla fine della stagione.

Spariscono di immediato i controlli post gara del RUMORE dato che nessuna casa ha mai fallito il test, la palla passa al capo tecnico che effettuerà questo tipo di prove quando lo riterrà opportuno.

GENEROSITA’ verso la Honda e Mahindra che hanno il permesso già dal GP di Sachsenring per applicare le modifiche richieste sui loro motori in Moto3. La casa giapponese cambierà le molle delle valvole, mentre quella indiana l’anello dell’olio.

Mentre sulla sorte del circuito di Montmelò ancora niente, tutti felici e contenti aspettiamo le gare di domani.

foto: motogp.com

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.