Test Jerez: passi in avanti per la Michelin

Dopo la due giorni di test della scorsa settimana sul circuito di Jerez, le sensazioni riguardo le gomme Michelin sembrerebbero essere state positive. Merito delle nuove mescole e della nuova carcassa portata dal costruttore francese.

Di Alberto Murador

La scosa settimana prima della sosta per le vacanze natalizie, si è tenuta una due giorni di test voluta dalla Michelin sul circuito di Jerez. L’obiettivo era quello di provare del materiale nuovo con i team Ducati, Aprilia e Honda per cercare di migliorare il feeling dei piloti con le gomme francesi.

Le novità introdotte nel circuito andalusiano dalla Michelin sono state alcune nuove mescole ed una nuova carcassa del pneumatico, queste soluzioni portate hanno riscontrato dei feedback positivi ed unanimi da parte dei piloti che hanno preso parte a quest’ultimi test. Ora con quest’ultime novità portate si riesce a piegare la moto con maggiore facilità in percorrenza curva, altra nota molto importante è il fatto che non ci sono state cadute nell’arco delle due giornate di prove.

Con i piloti ufficiali già in “vacanza” per via del regolamento che vige in MotoGp per quel che riguarda i test in pista, è stato compito dei test rider portare avanti lo sviluppo della Michelin. Per la Ducati c’era Michele Pirro, per Aprilia Mike Di Meglio e per la Honda Hiroshi Aoyama e Yuki Takahashi.

Come riportato da Gpone.com non c’è stato un cronometraggio ufficiale, ma i rilevamenti effettuati parlano di Pirro come il più rapido in 1’40″4, 1’40″9 per Di Meglio ed Aoyama in 1’41″0. Bisogna ricordare che le condizioni della pista rispetto all’ultimo test di Novembre sono state molto differenti, con una temperatura molto più bassa rispetto al mese scorso. Ora i prossimi test saranno a Febbraio 2016 a Sepang, e li sicuramente si capirà il vero livello di performance della Michelin.

<a href=”https://twitter.com/albertomurador” class=”twitter-follow-button” data-show-count=”false”>Follow @albertomurador</a>
<script>!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0],p=/^http:/.test(d.location)?’http’:’https’;if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=p+’://platform.twitter.com/widgets.js’;fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document, ‘script’, ‘twitter-wjs’);</script>

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.