Valencia, libere 1-2: prima Marquez, poi Lorenzo!

Con le prime due sessioni di prove libere è iniziato il weekend che porterà all’assegnazione del titolo piloti nella MotoGP. Nella prima sessione il più rapido di tutti è stato Marc Marquez davanti a Lorenzo e Pedrosa, mentre nella seconda è stato Jorge Lorenzo il più veloce e mostrando un gran passo in vista della gara. Rossi quinto nella FP1 e quarto nella FP2. Domani ultime prove libere e poi le qualifiche.

Di Alberto Murador

In casa Honda nonostante tutte le polemiche che si sono susseguite da Sepang a Valencia, hanno dimostrato di saper dare due moto molto perfette nel setup ai loro due piloti ufficiali. Non a caso nella prima sessione di prove libere è stato Marc Marquez ad essere il più veloce con il tempo di 1’31″250, precedendo di soli 184 millesimi il connazionale Jorge Lorenzo.

In terza posizione troviamo la seconda Honda HRC di Dani Pedrosa a circa tre decimi dal compagno di squadra, davanti alla Ducati di Andrea Dovizioso. Il forlivese ha ottenuto il suo ” best lap ” in 1’31″642 utilizzando la mescola soft posteriore, precedendo la seconda Yamaha ufficiale di Valentino Rossi. Per il pesarese un distacco di oltre quattro decimi, anche se chiaramente il suo obiettivo è quello nel trovare il setup ideale per la gara.

A completare la top ten troviamo Pol Espargarò con la Yamaha del team Tech 3, davanti all’altra Ducati ufficiale di Andrea Iannone, alla Honda LCR di Cal Crutchlow, alla Suzuki di Aleix Espargarò ed a Yonny Hernandez con la Ducati del team Pramac. Subito alle spalle dei primi dieci in undicesima posizione, da segnalare l’ottima prova di Stefan Bradl con l’Aprilia ad 1″3 da Marquez. Dietro al tedesco i due piloti italiani Danilo Petrucci e Michele Pirro, entrambi su Ducati.

lorenzo-fp2-valencia-gp-comunitat-valenciana-2015

Nella seconda sessione in testa alla classifica si è collocato uno dei due pretendenti al titolo, ovvero Jorge Lorenzo con la Yamaha. Il maiorchino è stato capace ad abbassare il limite sino a 1’31″111 utilizzando su entrambe le gomme la mescola media. Lo spagnolo ha mostrato di avere un ottimo passo in vista del Gp, realizzando una serie di giri sul muro del 1’31 basso; tuttavia non deve abbassare assolutamente la guardia lo spagnolo perchè pure l’altro pretendente all’iride Valentino Rossi ha fatto vedere un ottimo long run. Quello che conta per il pilota di Tavullia non è la quarta posizione a circa quattro decimi da Lorenzo, ma la possibilità di avere un passo che gli consenta di poter recuperare più posizioni possibili.

Dietro Lorenzo troviamo un ottimo Dani Pedrosa con la Honda, seguito da Andrea Iannone con la Ducati in terza posizione; il ducatista ha ottenuto il tempo utilizzando la mescola soft al posteriore. La seconda Honda HRC con Marc Marquez non è andata oltre la quinta posizione, senza migliorarsi nel finale quando ha utilizzato la mescola media.

Dietro allo spagnolo da segnalare l’ottima prova di Danilo Petrucci con la Ducati Pramac, dimostrando di sapersi ben adattare a questo circuito con la sua GP14.2. Alle spalle del ternano troviamo i due fratelli Espargarò, con Pol che è riuscito ad avere la meglio su Aleix. A completare la top-10 troviamo in nona posizione la Honda del team LCR di Cal Crutchlow, con l’inglese che ha preceduto la seconda Suzuki di Maverick Vinales.

Alle spalle del rookie spagnolo troviamo ben quattro Ducati con Hector Barbera davanti alla terza Ducati ufficiale di Michele Pirro, a Yonny Hernandez con l’altra Ducati Pramac e ad Andrea Dovizioso in palese difficoltà dopo la buona prestazione ottenuta in mattinata.

<a href=”https://twitter.com/albertomurador” class=”twitter-follow-button” data-show-count=”false”>Follow @albertomurador</a>
<script>!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0],p=/^http:/.test(d.location)?’http’:’https’;if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=p+’://platform.twitter.com/widgets.js’;fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document, ‘script’, ‘twitter-wjs’);</script>

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.