La nuova Opel Astra Sports Tourer: ecco la familiare di Opel

Inaspettatamente Opel con una mossa a sorpresa ha anticipato la presentazione della nuova Astra Sports Tourer, che verrà battezzata di fronte al grande pubblico nell’imminente Salone di Francoforte

Tale scelta è riconducibile alla volontà da parte della casa tedesca di giocarsi subito tutti gli assi nella manica in modo da aumentare sensibilmente l’attrattiva verso il proprio padiglione nella manifestazione “di casa”. Sulla falsa riga della generazione precedente le dimensioni molto generose tra le più ampie della categoria, 4,70 metri di lunghezza, 1,87 m di larghezza e 1,50 m di altezza che farebbero pensare subito a una vettura appartenente al segmento D, ma in realtà il modello è ben radicato all’interno del segmento C e ciò viene confermato dalle motorizzazioni.

Le motorizzazioni disponibili sono comprese in un range che va dal 1.0 al 1.6, e che almeno inizialmente possono sembrare inadeguate al corpo vettura, ma in realtà queste sono prontamente giustificate dalla cura dimagrante apportata dagli ingegneri di Russelsheim, che ha portato una diminuzione di peso tra 136 e 200 chilogrammi a seconda della versione, grazie all’impiego di una nuova scocca costruita con acciai  ad alta resistenza insieme a  telaietti ausiliari e sospensioni di nuova concezione.

Tuttavia le novità maggiori riguardano l’abitacolo e le dotazioni di bordo: il nuovo sistema di infotainment Intellilink 4.0 oltre a tutti i nuovi standard di connettività implementa il servizio di assistenza Opel OnStar, collegato 24/7 a un call center pronto ad aiutare il conducente e a risolverne qualunque problematica, sia essa legata alla sicurezza o a semplici esigenze personali. Last but not least la presenza della rete 4G LTE, che consente di creare all’interno della vettura un hotspot Wi-Fi al quale è possibile collegare fino a sette dispositivi diversi per la navigazione internet. Spazio anche ai sistemi di compatibilità Android Auto ed Apple CarPlay.

A rimpinguare la dotazione di serie contribuiscono il cosiddetto Opel Eye, pacchetto di sistemi di assistenza alla guida che si basa sulla presenza di una telecamera anteriore più sensori infrarossi e i sedili anteriori con certificazione  AGR che consentono 18 regolazioni su postura, massaggio, ventilazione e larghezza del posto a sedere. Immissione sul mercato prevista per fine 2015.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.