RCA: arrivano i controlli di tutor e autovelox

Dal primo gennaio sono partiti i controlli con autovelox e tutor relativi al bollo ed alla copertura assicurativa dei veicoli

Come sempre, i primi giorni di un nuovo anno vengono vissuti dagli automobilisti con molta apprensione, vista la considerevole quantità di novità che vengono puntualmente introdotte.
Le principali due novità, quest’anno, riguardano l’addio dell’obbligo di esposizione sul parabrezza del tagliando della copertura assicurativa e la possibilità da parte dei vari enti di controllare la copertura assicurativa ed il pagamento del bollo di una vettura direttamente mediante la verifica della targa, che sarà effettuata direttamente per via telematica da tutor ed autovelox. Anche i portali cittadini, come i varchi delle aree ZTL potranno essere deputati a svolgere questa funzione.

Ma come si svolge questo controllo?

Le immagini raccolte dai vari dispositivi verranno confrontate con il database della Motorizzazione Civile, che dovrà essere aggiornato di giorno in giorno relativamente alla copertura assicurativa dei veicoli con i dati forniti dalle varie compagnie, che a loro volta sono tenute a comunicare all’ANIA (Associazione Nazionale Imprese Assicuratrici) ed alle Motorizzazioni Civili tutti i contratti che vengono sottoscritti.
Per quanto riguarda il bollo, vista la possibilità di pagamento telematica, il database è aggiornato praticamente in tempo reale.

Grazie ai tutor ed agli autovelox, si potranno monitorare le autostrade, controllando centinaia di migliaia di veicoli in una sola giornata mentre, nelle città, verranno sfruttati maggiormente i varchi di controllo delle ZTL e le telecamere poste sui semafori e deputate alla rilevazione di infrazioni legate al rispetto delle segnalazioni semaforiche.

In alcune grandi città, però, la possibilità di rilevare la copertura assicurativa è garantita anche grazie allo “street control, un dispositivo dotato di telecamera che permette ai vigili urbani di immortalare mezzi privati parcheggiati in modo irregolare o veicoli rubati.
Se lo “street control” è disponibile in ciità come Roma, Foggia, Livorno, Milano, Palermo e Firenze, a Genova la situazione è differente grazie al Celeritas, il dispositivo impiegato per controllare la velocità dei mezzi che percorrono la Sopraelevata.

Il dato allarmante

Secondo ANIA, il 9% dei veicoli che percorrono ogni anno le strade italiane sarebbero senza copertura assicurativa e, secondo alcune associazioni di automobilisti, la mancata copertura assicurativa sarebbe dovuta ad un elevato costo delle polizze.
Tuttavia, grazie alla presenza di diversi comparatori on line, è possibile risparmiare sui costi della polizza e, in questa guida, capirete come poter scegliere bene la vostra assicurazione e risparmiare.

Approfondisci: Ricorso multa, ecco come fareAssicurare veicoli d’epoca – Bollo? Ecco le agevolazioni per le vetture ibride – Assicurazioni: ecco la lista di quelle non valide

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.