Dakar 2016: dodicesimo successo per Peterhansel!

“Monsieur Dakar” ha conquistato il suo dodicesimo successo in carriera nel più famoso rally raid del mondo

E’ stata una Dakar che ha lasciato davvero pochi dubbi su quale fosse la vettura più forte, con tre dei quattro alfieri che si sono alternati in testa alla corsa, con Loeb a dirigere le operazioni per ben 8 giornate prima del suo disastroso incidente, poi è salito in cattedra il “matador” Carlos Sainz (costretto anche lui al ritiro per problemi tecnici) ed infine si è preso la testa della classifica Stephane Peterhansel, veterano di questa competizione.
Per il transalpino si tratta del dodicesimo successo, il sesto tra le auto dopo i sei conquistati in moto.
Stephane è stato un ottimo stratega anche in questa edizione della Dakar, cercando di limitare i danni quando Loeb era imprendibile e le speciali non erano di suo gradimento e poi, quando sono iniziate le dune ha iniziato a tenere un ritmo infernale, diventando irraggiungibile. Basti pensare che oggi è entrato in speciale con quasi un’ora di vantaggio su Nasser Al-Attiyah.

Forte di questo vantaggio, Peterhansel ha affrontato i 180 km di speciale di oggi senza spingere, lasciando che Loeb gli spianasse la strada e riducendo al minimo i rischi.
E proprio Loeb è stato il vincitore di questa ultima tappa, conquistando un discreto nono posto in classifica generale.

Sale sul secondo gradino del podio di questa Dakar, a quasi 35 minuti di ritardo da Peterhansel, l’inossidabile Nasser Al-Attiyah che, dopo il successo dello scorso anno, ha ritentato il colpaccio. Purtroppo per lui, le Peugeot sono state troppo forti e, l’errore commesso durante la decima tappa è stato pesantissimo, visto che gli è costato ben 40 minuti di ritardo.
Completa il podio il sudafricano Giniel De Villiers, che non è mai riuscito ad essere davvero incisivo. Per lui, il risultato migliore rimane il secondo posto dello scorso anno ma, se vuole puntare al successo, dovrà spronare la Toyota a fare meglio per avere una vettura più competitiva il prossimo anno.

Quarta posizione per il finlandese Mikko Hirvonen, al debutto alla Dakar: ieri il finlandese ha suggellato la sua presenza anche con la prima affermazione in speciale, rivelando ottime doti di adattamento ad un mondo che è molto diverso da quello del WRC.
Sicuramente, lui e Al-Attiyah si sono dati molto da fare, ma il team X-Raid è sicuramente il grande sconfitto di questa edizione, visti i quattro anni di dominio incontrastato precedenti a questo 2016.

Rimane però una questione da chiarire, relativa alla speciale di lunedì: pare che Stephane Peterhansel abbia fatto un rifornimento non autorizzato e, per questo motivo, la Mini ha presentato ricorso alla FIA, che dovrebbe pronunciarsi tra domani e lunedì.
Nel caso in cui il ricorso della Mini venisse accolto, rimane da capire che pealità verrebbe comminata al pilota francese della Peugeot.

Ecco la classifica generale con i primi dieci classificati:

1. Peterhansel – Cottret – Peugeot 2008 DKR – +45.22’10”;
2. Al-Attiyah – Baumel – Mini All4 Racing – +34’58”;
3. De Villiers – Von Zitzewitz – Toyota Hilux – +1.02’47”;
4. Hirvonen – Perin – Mini All4 Racing – +1.05’18”;
5. Poulter – Howie – Toyota Hilux – +1.30’43”;
6. Roma – Haro Bravo – Mini All4 Racing- +1.41’06”;
7. Despres – Castera – Peugeot 2008 DKR – +1.49’04”;
8. Vasilyev – Zhiltsov – Toyota Hilux – +2.01’45”;
9. Loeb – Elena – Peugeot 2008 DKR – +2.22’09”;
10. Hunt – Schoulz – Mini All4 Racing – +3.11’30”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.