MotoGP, Aggiornamenti al regolamento

La Grand Prix Commission (commissione gara) ha introdotto nuove norme nel regolamento obbligando i team MotoGP di montare i sensori di pressione sulle gomme e quelli di Moto3 a fornire lo stesso telaio a tutti piloti. 

di: RajaS

Il 23 Aprile a Jerez c’è stata una riunione della Commissione Gara [Carmelo Ezpeleta, Ignacio Verneda (FIM CEO), Herve Poncharal (IRTA), Takanao Tsubouchi (NSMA), e con la presenza di: Vito Ipollito (President FIM) Javier Alonso (Dorna) e Mike Trymby (IRTA, segretario della riunione)] che visti gli eventi delle ultime gare ha preso alcuni provvedimenti con effetto immediato.

La novità per quanto riguarda la falsa partenza che non sarà obbligatorio da decretare nei primi quattro giri come finora, ma si potrà imporre anche alla fine, quando invece del ride trhough, il pilota in causa pagherà in tempo l’errore. Sarà la stessa Direzione Gara ad annunciare per ogni circuito il tempo necessario che equivalga a un giro dalla pit lane, e tale periodo sarà comunicato prima dell’inizio GP.

Diventa obbligatorio per tutti in MotoGP quel famoso sensore che rileva la pressione degli pneumatici, molto importante per Michelin, e l’obbligo arriverà per tutti dal Gran Premio d’Italia TIM che si terra al Mugello a fine maggio. Per non creare ulteriori stress ai team MotoGP costretti al rifornimento in sicurezza quando la gara viene interrotta (Quick Restart), la gara stessa sarà accorciata di un giro.

Nuova clausola anche per la classe Moto3, dove se una casa porta nuovi elementi del telaio, ne deve portare a sufficienza da coprire l’intero numero di piloti che usano quella stessa marca.

foto di Alessandro Giberti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.