MotoGP, Qatar Test: Lorenzo, un lavoro impeccabile

Dopo tre serate di duro lavoro in tutti i team MotoGP presenti a Losail, arriva il momento di fare conti per adottare la direzione giusta di setup in vista del ormai imminente campionato. Nell’ultima sessione, Jorge ha fatto la differenza di mezzo secondo su Redding e Vinales, ma anche Marquez e Rossi non sono lontani. 

di Sanda Urda

Sessione molto impegnativa per la classe regina, questa del Qatar, con tante cose da provare e tanti aspetti da valutare, il più determinante è sicuramente quello delle nuove gomme, oramai sempre più simili alle vecchie Bridgestone.

Nella terza ed ultima tappa, tutti i big hanno finalizzato un long run e hanno cercato il giro veloce, rivelando in grandi linee, quella che sarà la situazione nella prima gara che si correrà su questo tracciato tra 12 giorni. Tenendo conto della classifica combinata, si possono trarre conclusioni per ogni marca.

Movistar Yamaha MotoGP che ha messo le ali più di prima, torna a casa con i migliori risultati . Jorge Lorenzo si dimostra il più forte nel giro secco, unico capace di scendere fino al 1’54.810, ma anche il passo gara non lo smentisce (nel Night3 ha fatto una simulazione gara completa e con gomma anteriore dura, che non ci sarà in gara), anche se la distanza dagli altri è meno vertiginosa del giro veloce. Valentino Rossi è caduto ancora alla curva 10, come nel Night1, fortunatamente senza conseguenze, e alla fine soddisfatto del proprio passo trovato nel long run, non lontano dal compagno Jorge e da quello di Dovizioso registrato nel Night2. Vale chiude quinto in combinata, con 619 millesimi di gap.

Ducati piazza in seconda posizione la GP15 di Scott Redding (Octo Pramac Yakhnich) con 0.516s di ritardo, il quale ha dimostrato un passo da top5. Danilo Petrucci si sta rimettendo dopo l’intervento alla mano destra in Australia e cercherà di esserci in gara. Nel team ufficiale abbiamo i due Andrea rispettivamente con Iannone in sesta posizione con il crono di ieri. Nell’ultimo giorno il pilota di Vasto si è dedicato alla messa a punto in ottica gara, mentre Dovizioso in ottava posizione e contento del suo passo trovato giovedì. Arriva anche Casey Stoner, ma non è potuto uscire in pista per regolamento (avrebbe potuto girare solo con una delle Desmosedici GP ufficiali, ma sarebbe stato controproducente e lo farà nei test privati con la sua Ducati test)

La Suzuki ECSTAR ci presenta la giovane promessa Maverick Vinales in terza posizione della combinata e quale si conferma anche con il cambio full seamless e il telaio vecchio,  da podio. Aleix Espargarò, che ha scelto il telaio 2016, è 15° dopo numerose scivolate durate le tre serate.

Ecco che in Honda le cose migliorano almeno per Marc Marquez quarto in classifica con un crono ottenuto mentre inseguiva Jorge da vicino. Il #93 sta vicino al cinque volte iridato per 12 giri, e registra un passo buono, forse anche perché in HRC hanno trovato una soluzione valida, ma sicuramente Marc e anche riuscito a sbirciare alcuni dei segreti dello stile di Jorge, più in asse con le Michelin. Dani Pedrosa chiude la top ten con il crono ottenuto nella seconda serata.

La MotoGP tornerà sotto i riflettori del Circuto di Losail tra meno di due settimane per la prima gara della stagione 2016.

foto: motogp.com

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.